Centro Studi Asclepio

Scuola di filosofie orientali, scienze contemplative, culture e medicine tradizionali, pratiche/discipline dell’ecosostenibilità e dell’ecologia

Visione

Le medicine non convenzionali sono una realtà già ampiamente inserita nel tessuto sociale italiano ed europeo, ma nella grande maggioranza dei casi, la pratica di tali  variegati approcci medico-terapeutici (fitoterapia, omeopatia, omotossicologia, medicina ayurvedica, agopuntura, yoga terapia, pranoterapia, ecc…) non è accompagnata da un altrettanto diffusa conoscenza approfondita sia della storia, spesso originata da pratiche spirituali e contemplative distanti, nello spazio e/o nel tempo dalle culture “occidentali” contemporanee, sia delle basi epistemiche e dai meccanismi biologici che ne determinano l’efficacia e le corrispondenze con la medicina convenzionale.

Il CSA vuole dare avvio ad un filone di ricerche condotte con rigore e senza pregiudizi, per favorire un efficace e coerente inquadramento sociale ed istituzionale delle differenti medicine, partecipando allo sviluppo di procedure che ne favoriscano l’accessibilità a tutti i cittadini, senza discriminazione e contrastando la proliferazione di pratiche dannose per la salute, nonché di meccanismi di esclusione sociale.

S’intende perciò impegnarsi nella diffusione, in modalità accessibili e chiare, i risultati delle ricerche condotte, sia tra i professionisti del settore medico-terapeutico, sia tra il personale e gli utenti del mondo scolastico, ritenendo prioritaria la formazione degli specialisti e la presa di consapevolezza da parte della cittadinanza, riguardo alle problematiche indagate dalle scienze delle salute e alle conoscenze che tematizzano il benessere psico-fisico.

Mission

Il CSA si propone di effettuare indagini storiche, epistemologiche e socio-culturali che rispondano a questioni rilevanti per migliorare i livelli di salute pubblica, anche progettando e disseminando buone pratiche di educazione alla salute, correlate a diversi approcci medico-terapeutici, sia tradizionali che sperimentali, in ambito internazionale.

 

Noi

Marzia

Mi chiamo Marzia Michelizza, dal 1983 in movimento in questa vita. Ho dedicato molto del mio tempo a studiare la coscienza e il rapporto mente-corpo, fino a sostenere una tesi di dottorato in Filosofia (Univ. Paris 1 Sorbonne) e Scienze della Complessità (Univ. Urbino Carlo BO) proprio su questi temi.

Durante la ricerca ho potuto tuffarmi nello studio della neurofenomenologia, del buddismo antico e della filosofia indiana, cambiando lentamente il mio punto di vista sull’esistenza.

Naturalmente, la teoria non bastava, quindi mi sono ritrovata a sperimentare e praticare, con molta più serietà che in precedenza, le tecniche contemplative e spirituali che queste tradizioni offrono: le tecniche yogiche.

Oggi, infatti, approfondisco la filosofia dello yoga (in senso ampio ma con puntualità e senza semplificazioni!) e sono insegnate di Hatha Yoga e meditazione con diploma 200h della Associação Europeia de Terapias Orientais (Lisbona, PT) e diploma 300h del World Peace Yoga School (Rishikesh, India). 

Cosa pratico, ricerco ed insegno? Yoga, Filosofia orientale, Meditazione, Medicine tradizionali.

Sono co-fondatrice del Centro Studi Asclepio.

Alessandra

Sono nata nel 1981 a Pesaro, nelle Marche e sono cresciuta in un paesino sulla costa Adriatica, immerso nella natura dalle tonalità verdi e blu, del Parco Naturale del Monte San Bartolo. Fin da bambina ho amato la letteratura, l’arte e le passeggiate; un pianoforte che non ho mai imparato a suonare bene, è il segno della mia passione viscerale per la musica. Ho lavorato diversi anni in alcune libreria, finché le mi letture mi hanno condotto a studiare le filosofie occidentali ed orientali, spingendomi fino a Parigi, dove ho trascorso un’anno di studio che ha segnato la nascita del mio sodalizio con le amiche e socie Marzia e Diana. Nel 2012 mi sono laureata in Scienze Filosofiche all’Università di Firenze, specializzandomi in storia e filosofia della medicina e della biologia. A Firenze ho anche scoperto un ambiente internazionale che ha ispirato il mio interesse per l’insegnamento dell’Italiano a stranieri e la mediazione interculturale, settori in cui mi sono qualificata professionalmente, anche grazie ad un master di II livello dell’ Università Ca’ Foscari, Venezia. Ho avuto l’opportunità di lavorare come insegnante, coordinatrice e formatrice in corsi d’italiano per stranieri, progetti di pedagogia interculturale, corsi di formazione per insegnanti ed operatori dell’accoglienza migranti. Faccio parte dell’unità di ricerca FESVEM (Università di Firenze), come collaboratrice esterna impegnata nello studio dell’epistemologia della biologia e delle medicine (bio-medicine e medicine tradizionali), con particolare riguardo alla Medicina Tradizionale Cinese. Pratico yoga da anni e mi sto dedicando alle tecniche di Nada Yoga: lo Yoga del suono che unisce musica e in cerca spirituale. Per il Centro Studi Asclepio, di cui sono co-fondatrice, mi occupo di filosofie dell’Estremo Oriente. 

 
 
 

Diana

Sono nata a Verona nel 1983 da genitori siciliani, e mi sono sempre sentita “senza radici” con una voglia irrefrenabile di cambiamento. Mi sono laureata in Lingue e Civiltà Orientali all’Univeristà di Urbino Carlo Bo (specializzazione in Cinese), dove ho scoperto e coltivato la passione per la comunicazione attraverso lingue straniere e, in particolare, mi sono avvicinata alla letteratura come strumento di scoperta di culture altre. Ho proseguito i miei studi a Taiwan (National Taiwan University, Graduate Institute of Taiwan Literature) dove mi sono fermata per 8 anni e dove ho scoperto il significato di “casa”. Successivamente mi sono decisa a trasferirmi a Kyoto, città che ha sempre popolato i miei sogni, dove ho studiato prima il giapponese e poi lavorato in diversi ambiti. 

Durante la mia permanenza in Giappone ho riscoperto la passione per il fatto a mano, il cucito, la tessitura e la tintura naturale con le piante. Nello stesso periodo ho cominciato a sensibilizzarmi e ad adottare uno stile di vita più eco-sostenibile, finendo poi per trasferirmi in Spagna dove ho aperto una attività zero-waste. 

Per il CSA mi occupo di  pratiche/discipline dell’ecosostenibilità e dell’ecologia.